©2020 Uplift · Built with love by Swift Ideas using WordPress.

Pitti Immagine ha rinviato le fiere al 2021

Pitti Immagine ha rinviato le fiere al 2021
Giugno 9, 2020 Mariangela

Aziende espositrici in difficoltà, e adesioni insufficienti alle edizioni di settembre di Pitti Uomo, Bimbo, Filati, Fragranze, Super: questo il motivo che ha portato il consiglio di amministrazione di Pitti Immagine a decidere il rinvio delle fierefisiche” di Firenze a gennaio 2021. Per questa estate le energie saranno impegnate sulla versione interamente digitale dei saloni stessi, sulla piattaforma Pitti Connect.

Pitti Connect sarà attiva e visitabile a partire da fine giugno, inizi di luglio, per permettere alle aziende di rispettare le tradizionali tempistiche della campagna vendite, estendendola poi fino a tutto settembre. Si tratta di un avanzato strumento di networking e di marketplace, che permetterà agli espositori di aumentare la propria visibilità presso decine di migliaia di compratori qualificati, attivare contatti commerciali selezionati e certificati, essere supportati nel gestire ordini e fare eventi e presentazioni live. Questo è un punto decisivo: Pitti Connect è molto più di una showroom virtuale.

Il rinvio «è una decisione dolorosa ma inevitabile – spiega Claudio Marenzi, presidente di Pitti Immagine – dettata dalle condizioni di difficoltà operativa ed economica in cui si trovano la maggior parte delle aziende manifatturiere e quelle di distribuzione – i negozi, i department stores – e dalle incertezze che tuttora permangono sulle modalità di spostamento da una nazione all’altra, comprese le disposizioni sulle quarantene, che ovviamente condizionano pesantemente i piani dei compratori internazionali. Aggiungo che la prolungata assenza di certezze su sostegni economici governativi ed europei a fondo perduto per la partecipazione a fiere ha inciso molto sulle decisioni degli espositori»

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*